Bonifici bancari – Cosa sono – Come si registrano

Bonifici bancari – Cosa sono – Come si registrano

Bonifici bancari – Cosa sono – Come si registrano

Cos’è un bonifico?

Il bonifico è un’operazione bancaria con la quale l’utente può determinare il trasferimento di denaro dal proprio conto corrente ad un differente conto corrente.

Abitualmente il trasferimento avviene da un cliente ad un fornitore.

Il bonifico può essere di tipo SEPA oppure un bonifico estero.

Bonifico SEPA
I bonifici denominati SEPA (Single Euro Payments Area) sono bonifici validi nell’area SEPA che conta i 28 Stati Membri dell’Unione Europea (UE) con l’aggiunta dell’Islanda, della Norvegia, del Liechtenstein, della Svizzera, del Principato di Monaco, di San Marino, del Principato di Andorra e della Città del Vaticano.

In quest’area i bonifici sono effettuati senza distinzione da quelli effettuati sul territorio nazionale di appartenenza e possono essere effettuati solo in euro.

Bonifico estero

Si tratta del bonifico eseguito in divisa o verso un paese extra SEPA.

Cosa occorre per poterlo effettuare?

Per effettuare bonifici occorre avere un proprio conto corrente bancario, o una carta conto e la sufficiente disponibilità.

Abitualmente gli Istituti bancari definiscono anche un massimale giornaliero, vale a dire che, nell’ambito dello stesso giorno, non si possono inserire operazioni di bonifico il cui totale superi l’importo stabilito.

È necessario conoscere il codice IBAN del conto corrente sul quale si desidera inviare il denaro.

Il Codice IBAN è l’identificativo del conto corrente ed è composto esattamente da 27 caratteri come di seguito definiti:

Nazione                       IT                            – Codice Nazione esempio Italia

CIN Europeo                12                           – 2 cifre di controllo o CIN Europeo

CIN                               A                             – è composto da una sola lettera ed è utilizzato come carattere di controllo

ABI                               12345                     – è un numero composto da cinque cifre e rappresenta l’istituto di credito

CAB                              12345                     – è un numero composto da cinque cifre e rappresenta la filiale dell’istituto di credito

CONTO CORRENTE      123456789012       – 12 caratteri alfanumerici.

Nel caso il numero di caratteri del conto corrente sia inferiore a 12 questi

dovranno essere preceduti da zeri.

 

In quanto tempo viene accreditato?

Nell’area SEPA i bonifici sono accreditati al beneficiario il giorno lavorativo successivo all’inserimento.

 

Cosa è il TRN?

Ogni bonifico inserito viene identificato con codice TRN Transaction Reference Number.

Il beneficiario per assicurarsi che il bonifico sia stato effettuato, può richiedere il codice TRN.

Con il codice TRN si potrà identificare univocamente l’operazione e quindi accertarsi che sia stata effettuata.

 

E’ possibile registrare ed inviare Bonifici multipli.

Sì è possibile!

SEPA ha definito appositi e quindi con il programma SOFTA è possibile creare file importabili tramite i programmi di remote banking.

Come impostare e creare file da importare.

 

Come impostare il programma per emettere i bonifici in automatico

Tramite menu contabilità causali contabili inserire e/o accertarsi che esista una causale contabile come da seguente immagine:

Causale contabile bonifico fornitore

Tramite il menu anagrafiche banche inserire e/o modificare una banca contenente le informazioni come da seguente immagine.

Banca bonifici bancari
Banca bonifici bancari

In particolare, necessita inserire la causale da utilizzare nei casi in cui si voglia emettere bonifici multipli.

Tramite il menu anagrafiche fornitori inserire e/o controllare che siano presente il codice IBAN come da seguente immagine:

fornitore con IBAN
fornitore con IBAN

Tramite il menu tabelle pagamenti controllare che esistano forme di pagamento “bonifici bancari” come da seguente immagine

codice di pagamento con bonifico
codice di pagamento con bonifico

Vediamo quindi come alimentare lo scadenzario con scadenze di tipo bonifico.

Innanzitutto tramite menu, contabilitò richiamare la voce “Registrazioni Contabili”.

Fra le causali proposte scegliere ad esempio “FA” Fatture di acquisto.

Inserire quindi tutti i riferimenti della fattura controllando che il codice di pagamento sia un codice che preveda una scadenze di tipo bonifico.

Prima di chiudere la registrazione passare tramite click nella sezione scadenze e verificare che, nella colonna “Tipo” sia presente la “B” di bonifico.

Vedi immagine seguente:

Scadenze con bonifici
Scadenze con bonifici

Tramite il menu contabilità, pagamenti multipli, vedrete apparire le scadenze passive da pagare tramite bonifici come da seguente immagine:

Scadenze con bonifici
Scadenze con bonifici

Vediamo quindi la sequenza da adottare per ottenere un file da importare nei programmi di remote banking.

Innanzitutto, selezionare B, come bonifico, per visualizzare le scadenza ti tipo bonifico da pagare

Quindi scegliere la banca che si intende utilizzare per i bonifici e vedrete, se impostata bene, apparire la causale contabile ed il sottoconto prestabilito.

Tramite i controlli “Dalla data” e “Alla Data” è possibile limitare la visualizzazione alle sole scadenze rientranti in un preciso periodo.

Controllare in particolare che le colonne Chek, CIN, ABI, CAB e c/corr. Siano presenti, in quanto, l’assenza di uno qualsiasi di questi dati il bonifico non potrà essere messo.

E’ possibile quindi selezionate tramite l’apposito chek le scadenze che si intendono pagare.

Vedrete anche una colonna “Non Autorizzato” che, per chi lo desideri, consentirebbe agli operatori che emettono bonifici di accertarsi che la verifica sulla fattura è stata già effettuata da altro ufficio appositamente dedicato.

Selezionate le scadenze da pagare, consigliamo di eseguire un click su tutti i pulsanti visualizzati in basso e quindi:

  • Controlla Controllerà che tutte le informazioni necessarie sono state inserite
  • Stampa distinta Realizzerà una stampa che confermi la selezione eseguita.
  • Crea file Su crea file vedrete una doppia scelta:
    1. File TXT
    2. Crea XML

Prima di proseguire dovrete verificare sul remote banking quale tipo di file

può essere importato

  • Definitivo con definitivo verrà creata automaticamente la registrazione di pagamento
  • Anteprima presentazione – come per la stampa vedrete l’ammontare complessivo dell’operazione.

La registrazione memorizzata tramite il pulsante “Definitivo” è facilmente reperibile tramite la scheda conto della banca selezionata.